Home » Come ottimizzare un sito web: la Guida per conquistare la SEO!

Come ottimizzare un sito web: la Guida per conquistare la SEO!

La SEO è una parola strana: nonostante sia molto corta, quando la pronuncio provoco spesso confusione quando non ansia. Se anche tu sei tra chi vorrebbe tanto aver pensato alla SEO ma proprio non sa come fare, questa guida su come ottimizzare un sito web ti eviterà tanti mal di pancia!

Che cosa è la SEO?

Prima di scoprire come ottimizzare il tuo sito, capiamo davvero cosa significa. La SEO sta per Search Engine Optimization, ossia Ottimizzazione dei Motori di Ricerca.

Ti sei mai domandato per quale motivo quando poni una domanda a Google, escono determinati risultati? C’è un motivo dietro, e comprenderlo e cercare di farlo proprio è il lavoro della SEO.

In altre parole, occorre trasformare il proprio sito nella migliore versione di se stesso, seguendo delle linee guida dettate dagli stessi Motori di Ricerca. Devono essere certi che il tuo contenuto sia il migliore in circolazione, quello che risponde meglio di qualsiasi altro alla Ricerca dell’utente.

come ottimizzare un sito web, storia d'amore tra il sito e google
un sito e un progetto ben ottimizzato sono alla base dell’ottimizzazione sui motori di ricerca

Noi SEO Strategist strutturiamo un sito e i suoi contenuti in modo che segua queste linee guida e sia la risposta giusta alla domanda giusta. Perché tutti vogliono comparire in prima pagina. l’80% delle ricerche termina alla prima pagina e il 60% delle ricerche fatte dal computer si fermano ai primi tre risultati. Essere ai primi posti significa esistere agli occhi degli utenti.

💡 Preferisci leggere questo articolo in formato PDF? Scaricalo e insieme a questa Guida SEO riceverai una SEO Check-list con tutti i passaggi per ottimizzare il tuo sito web!

Inoltre ormai gli stessi social stano puntando tutto sulla SEO! Se vuoi scoprine di più leggiti il mio articolo sulla SEO e Social e ottimizza il tuo profilo!

I 3 Tipi di SEO

Ottimizzare un sito vuol dire prendersi cura di molti aspetti diversi: la velocità, i testi, le immagini, la reputazione online… Per cercare di rendere più facile sapere cosa fare, si è deciso di dividere la SEO in 3 Macro Categorie:

  • SEO Tecnica o On Site
  • SEO On Page
  • SEO Off Site

Andiamo a scoprire tutti questi mondi e come si ottimizzano per poter attrarre il tuo cliente ideale sul tuo sito!

La SEO Base

Questa è una differenziazione che ho deciso di aggiungere io. Dei passaggi iniziali per far partire il proprio sito con il piede giusto!

L’Architettura del Sito

Prima di creare il tuo sito, occorre pianificarlo con estrema attenzione. Io personalmente mi reputo una persona analogica, non riesco a vivere senza carta e penna!

Tu scegli il modo che preferisci e inizia! Disegna le diverse pagine: la Home Page, il Chi Sono, le pagine dei Servizi o dei Prodotti se hai un e-commerce… è il momento di sprigionare la tua creatività! Descrivi cosa le persone troveranno in ogni pagina, le diverse sezioni, dove immagini i bottoni, le foto e qualsiasi altro contenuto tu voglia.

💡 Consiglio SEO: assicura agli utenti un viaggio piacevole. Chi arriva sul sito non sempre conosce il tuo brand, e non sempre inizia dalla Home Page!

Assicurati di accompagnare per mano chi decide di entrare nel tuo sito, ogni pagina deve contenere le informazioni necessarie per capire il brand, per avere più fiducia in te e nei tuoi servizi.

Tenere alta l’attenzione non è semplice, specie di questi tempi, quindi evita le ripetizioni inutili e assegna a ogni pagina un obiettivo specifico. Così sarà anche più semplice valutare se la pagina funziona.

Approfondimento

Il Server & Il Tema

Lo vedremo dopo, ma la velocità
è un fattore di ranking
. Per questo devi scegliere sempre un Server veloce e affidabile e un tema leggero che non affatichi la connessione.
Cosa è il tema?
Un insieme di file che definisce lo stile grafico del
sito (layout, il menù, il footer ecc.) condiziona
quindi la velocità, il design e la legibilità.

La Suite di Google

Google mette a nostra disposizione un ventaglio di strumenti, totalmente gratuiti e incredibilmente utili, che devi assolutamente installare sul tuo sito.
Mi piace pensare ai siti come a degli ecosistemi vivi, che devono essere monitorati e curati con dedizione, altrimenti sarà quasi impossibile vederli prosperare, e soprattutto quale sarebbe il senso?
Ho selezionato i 3 strumenti che ritengo essenziali per avere un sito che converta e renda gli utenti felici.

Ricordati di collegarli al tuo sito!
Potete farlo tramite plug-in o inserendo una stringa di codice nella pagina. Non sai da dove partire? Contattami per email o su Instagram e ti aiuto passo passo!

Google Analytics

Serve a studiare nel
dettaglio come si
comportano gli utenti sul
nostro sito. Possiamo
scoprire così da dove
provengono e chi sono.

Google Search Console

Controlla la copertura al
sito, se ci sono problemi
di indicizzazione e
velocità da pc e telefono.
Indica anche il
posizionamento.

Google Tag Manager

Più complicato ma molto
utile, ti permette di creare
dei “trigger
personalizzati” per capire
quando gli utenti
compiono delle azioni.

La SEO Tecnica

Quella tecnica è sicuramente la SEO più meccanica e quella che incute più timore, ma niente panico! Ho raggruppato alcuni degli aspetti più importanti da tenere in considerazione, tutti inseriti nella SEO Check-list di cui parlavo a inizio articolo!

La SEO tecnica è uno degli aspetti principali da tenere in considerazione quando si studia come ottimizzare un sito web
La SEO tecnica è uno degli aspetti principali da tenere in considerazione quando si ottimizza un sito web

Il Sito Responsive

Molto semplicemente, un sito responsive è un sito che si adatta in automatico a ogni tipo di dispositivo. Puoi guardare il mio sito dal desktop, dal tuo tablet o dal cellulare, a schermo intero o ridotto, ogni immagine, testo o bottone si adatterà alla grandezza dello schermo.

Perché è importante? Da qualche anno, l’utilizzo dello smartphone ha superato quello del computer. Significa che molto probabilmente tu in questo momento stai leggendo questa lezione dal cellulare. E il tuo cliente ideale sta facendo lo stesso.
Ma non basta! Google ha implementato da qualche tempo l’indicizzazione Mobile First. I siti vengono scansionati e indicizzati prima nella versione da mobile e solo dopo da computer.

💡Ok ma cosa puoi fare tu nello specifico? Se hai deciso di creare il tuo sito da solo, sei fortunato: quasi tutti i programmi ti permettono di controllare e modificare le varie versioni.

Assicurati che ogni scritta sia chiara, che i pulsanti siano facilmente cliccabile soprattutto che funzioni sia in verticale che orizzontale.⁣
Puoi controllare se il tuo sito è mobile friendly dal sempre preziosissimo Google Search Console. ⁣

Utilizza Responsinator per controllare come si vede il sito ovunque – è uno dei miei strumenti preferiti!

La mappa del sito o sitemap importante per ottimizzare siti web

Approfondimento

La Mappa del Sito

Si, il tuo sito web possiede una mappa segreta. Si
chiama sitemap ed è un elenco dei contenuti
presenti sulle tue pagine.⁣
Permette ai bot di Google di arrivare con
comodità a tutti gli url, rendendo l’indicizzazione
dei tuoi contenuti più veloce e precisa. Utile se hai un sito grande, vecchio o con pochi link interni. Ma come si crea? Se desideri fare da solo, puoi crearti la lista di tutti i link che hai deciso di mostrare ai motori di ricerca. Collegati alla Google Search Console, e vai all’area dedicata alla sitemap, copiala e il gioco è fatto!⁣

La Velocità

Lo so, lo ripeto troppo, ma solo perché è davvero importante! La velocità di caricamento del tuo sito è ormai un fattore di posizionamento.
Il 50% dei visitatori abbandona un sito che non si carica entro 3 secondi. Direi sono motivazioni molto convincenti per metterci all’opera!

💡Come controlliamo la velocità del sito? Ancora una volta è Google Search Console che ci aiuta, grazie a Page Speed dove avremo tutte le info necessarie, più molti consigli da adottare.

Consiglio SEO: Non dannarti troppo con i dati! Prendili con le pinze e cerca di seguire i prossimi consigli. Se il sito èancora lento, rivolgiti a un professionista.

Cosa fare quindi?

💡 Non caricare MAI foto con un peso superiore ai 200 KB

💡 Scegli un buon server

💡 Utilizza un plug-in di caching come WP Cache per velocizzare

I link devono funzionare tutti per ottimizzare la seo tecnica

Approfondimento

I Link

I Link sono un potente strumento SEO, ci
permettono di aumentare l’autorità di una
pagina. Allo stesso tempo, un link che porta a
una pagina non funzionante o eliminata (Errore
404) è un grave errore SEO.
Controlla regolarmente che tu non abbia link
rotti e aggiustali cancellandoli o puntando su
un’altra pagina.

Pensi di aver saltato alcuni di questi step quando hai creato il tuo sito o vuoi fare un check e verificare la sua salute? Prenota una Site Audit con me e scopri eventuali criticità e per quali parole chiave ti stai posizionando!

La SEO On Page

Siamo arrivati a parlare della SEO On Page. Ma cosa è? Si tratta di tutte quelle tecniche di ottimizzazione delle singole pagine e dei contenuti, inclusa la famigerata Ricerca di Parole Chiave.

Come ottimizzare un sito con la SEO On Page
La SEO on page si occupa dei contenuti che scriviamo

Le Parole Chiave

Le Parole Chiave, o Keyword, sono le grandi protagoniste della SEO. Anzi, spesso sono
l’unico fattore che viene considerato da chi è alle prime armi. Alzi la mano chi non ha pensato che fare SEO significasse inserire una parola per cui desideriamo apparire in prima pagina e aspettare fiduciosi. Sono l’unica?

In realtà, come abbiamo visto, ci sono tantissimi fattori che concorrono al nostro posizionamento, tra cui sicuramente le parole chiave. Ma quanto sono importanti nel 2022? Se ti dicessi che non lo sono più di tanto?

Prima di essere denunciata a Google voglio spiegarmi meglio: non sono importanti come prima, o meglio non nello stesso modo.
Se anni fa era sufficiente riempire una pagina con la stessa parola chiave ovunque per essere premiati (e aimhé c’è ancora chi lo fa) ormai le cose sono cambiate, e di molto.

Sempre di più a Google interessa capire l’Intento di Ricerca e premia chi lo comprende meglio. Studia anche la semantica che circonda queste ricerche, ed è qui che le parole chiave entrano in scena.

Consiglio SEO è questo: non ti fossilizzare a voler posizionarti per un’unica parola
chiave, specie se molto generica come “Strategia SEO”.


Nessuno, Google incluso, può capire cosa stia cercando l’utente che la scrive nella
barra di ricerca, e i risultati saranno centinaia di migliaia.

Fai una ricerca approfondita su cosa vuoi offrire al tuo target e cosa questo scrive
online quando lo ricerca.
Concentrati su quelle parole chiave, spesso legate le une alle
altre, e crea un contenuto che dia al tuo target ciò che desidera meglio di tutti gli
altri.

Gli Header ci permettono di dare una gerarchia e ottimizzare siti web

Approfondimento

Gli Header

Gli Heading permettono di mettere ordine tra i
nostri contenuti. ⁣Sono dei tag, dei piccoli codici da
aggiungere per indicare a Google la gerarchia dei
nostri scritti. Immaginate degli aiutanti che
porgono ai bot appena arrivati un albero
genealogico dove viene spiegata la discendenza in quella pagina.⁣ Il capofamiglia è l’H1, il titolo del vostro articolo di blog o pagina web e deve contenere la parola chiave principale. Ogni volta che verrà introdotto un sotto argomento, aggiungeremo un Headingminore, fino a H6.

Le Parole Chiave in Ottica SEO

Si, ti ho appena detto di non concentrarti su una sola parola chiave, ma non posso non darti i trucchi per far capire a Google che alcuni argomenti sono più importanti di altri nella tua pagina!
Quindi, dopo aver individuato la Keyword più importante e le secondarie, inseriscile:

Infografica per capire dove inserire le parole chiave in un testo
Infografica per capire dove inserire le parole chiave in un testo

In questo modo sarà come dare un colpetto sulla spalla di Google per attirare la sua
attenzione su alcuni argomenti.

💡 Mi raccomando: scrivi per le persone, non per Google, se non suona naturale, non
scriverlo!

rinfrescare i contenuti per avere un sito ottimizzato

Approfondimento

Rinfrescare i Contenuti

Il Sito è in continua evoluzione, e avere
degli articoli scritti anni fa e mai più
ritoccati non fa bene a nessuno! Almeno
ogni 6-9 mesi controlla gli articoli più
vecchi, vedi se ci sono link rotti, se alcune
informazioni possono essere aggiustate e
c’è qualche miglioramento da fare per dare
un boost al posizionamento!

La SEO Off Site

Se hai seguito questa Guida SEO, dovresti avere una base solida su come ottimizzare il tuo sito. E ora? Ho una brutta notizia: non serve a niente se nessuno si fida di te! Prima di disperarti, sappi che la SEO ha pensato anche a
questo. Come? Con la SEO Off Site!

la SEO off site è importantissima per ottimizzare il sito web
la SEO off site serve a ottimizzare il sito web e aumentare la sua autorevolezza online

E.A.T.

La SEO Off Site è una parte della SEO molto particolare: il suo obiettivo è guadagnare
la fiducia di Google
. Non si lavora quasi per nulla nel sito ma per il brand, in un lavoro
che molto si avvicina a quello dei Digital PR.

E come si conquista questa fiducia? Lo stesso Google ci ha dato la risposta, seguendo
alcuni principi cardine, rinominati EAT
.

Expertise

La conoscenza di chi crea
il contenuto. Prende
come riferimento
contesto e intento di
ricerca.

Authoritativeness

La capacità di farsi
riconoscere come esperti
del settore. Si basa su link
esterni e menzioni del
brand.

Trustworthiness

Affidabilità, fiducia
attribuita al contenuto e
al sito in generale.
Analizza siti particolari
per bloccare fake news.

Seguire questi 3 criteri apporta 2 benefici:

💡Ti permette di scrivere contenuti di valore e migliorare l’esperienza utente.

💡Ti permette di riconoscere siti autorevoli a cui linkare senza pericolo.

Perché come abbiamo visto prima, i link sono fondamentali e sapere quali siti suggerire, e da quali siti farsi nominare, è alla base di questo percorso di fiducia.

Approfondimento

I Backlink

Alla base della SEO Off Page c’è la strategia di
backlinking: convincere dei siti autorevoli e di
successo a creare un link che rimandi a voi. MI
RACCOMANDO
: non pagate mai nessuno per
ricevere link! Lo so, lo fanno in molti, ma rimane
una pratica vietata da Google che potrebbe bloccarvi il sito senza tante cerimonie.

💡Altri luoghi dove aumentare la vostra presenza per ricevere menzioni e link.

Directory

Portali online dove è
possibile registrare la
propria attività e
aumentare le possibilità
di essere trovati da
potenziali clienti.⁣

Forum e Gruppi

Lo so, sembrano primi
anni 2000 ma in realtà
ancora oggi sono
importanti per farsi
conoscere (e per
imparare nuove cose)

Guest Blogging

Questa tecnica è
borderline. Scrivi articoli
per altri blog ma fallo con
moderazione e sai cosa fai o rischi di
attirare l’anti spam di
Google.

Approfondimento

Le Recensioni

Sono il secondo fattore di posizionamento
fuori dal sito. Lasciane una ai tuoi
brand/professionisti preferiti per
supportare il loro lavoro e non vergognarti
mai di chiederle ai tuoi clienti, non gli
dispiacerà. Ricorda di essere sempre
preciso e dettagliato quando le scrivi!
Google guarda anche alle risposte quindi
fallo sempre, specialmente le negative!

In linea di massima, il tuo obiettivo deve essere sempre quello di crearti una reputazione come esperto nel settore, e di scrivere contenuti di valore, che apportino qualcosa, curati e dettagliati, che le altre persone siano soddisfatte di menzionare sui loro siti perché aiutano il loro target. Utopia? Forse, ma noi ci proviamo!

Per Riassumere

Come Ottimizzare un Sito Web

  1. Crea l’Architettura del tuo sito

    Decidi ogni pagina, il suo obiettivo e come si collega alle altre

  2. Installa la Google Suite

    Tutti gli strumenti Google, gratuiti

  3. Occupati della SEO Tecnica

    Controlla la velocità, di avere immagini leggere e mai sgranate, nessuna pagina che va in 404 Pagina non trovata, e di aver compilato tutti i Titoli e le Meta Description

  4. Fai un’attenta Ricerca di Parole Chiave

    Comprendi cosa i tuoi potenziali clienti stanno cercano e crea contenuti che rispondano nel modo migliore possibile alla loro ricerca

  5. Scrivi in Ottica SEO

    Utilizza alcuni trucchi del mestiere per suggerire a Google che stai trattando un argomento specifico!

  6. Lavora sulla SEO Off Site

    Aumenta la tua autorevolezza online e fai che gli altri ti menzionino sui loro siti